È stato un pomeriggio gradevole e gremito di partecipanti quello organizzato dal Consiglio delle Donne del Comune di Macerata con la presentazione, lo scorso 22 maggio all’Asilo Ricci, del libro di Maria Laura Rosati “Dispassione” edito da Liberilibri. L’autrice è una dermatologa maceratese con la passione e il piacere della scrittura. Il romanzo concorre al Premio Campiello 2021 e avrà i diritti d’autore interamente devoluti all’associazione “Mi fido di te” che si occupa di animali in difficoltà come ha ricordato la sua presidente Oriana Forconi.

Con la letteratura non poteva mancare la musica. La serata è stata deliziata dal Duo Stefano Conforti al sax e Tonino Monachesi alla chitarra.
“ La passione per la scrittura e per la lettura – ha evidenziato la Presidente Sabrina De Padova – ha fornito l’occasione per rivedersi in presenza, per ricominciare a vivere quelle attività culturali che mancano come opportunità di benessere e di libera socializzazione”.
Un primo pomeriggio finalmente fuori dallo schermo digitale tra la freddezza di Fiamma e i suoi ossimori. Fiamma è cattiva e non ha interesse per niente e per nessuno, lo dice subito, alla prima riga della prima pagina ma la sua storia si dipana moltiplicando le occasioni, gli scenari, piano piano i ricordi e la lettura non restituiscono mai la convinzione di sapere dove siamo condotti con un intreccio di dubbi, paure e disperazione.

Stefano Conforti e Tonino Monachesi

“Dispassione” è un libro di possibilità che girano intorno ad una storia femminile, chiusa tra pochissime persone e un cane, Paltò. “Proprio alle donne, da cui ci si aspetta sempre capacità di ascolto, comprensione, dedizione materna scontata la protagonista offre la possibilità di rappresentarsi finalmente anche come cattive”, ha sottolineato la vice Presidente Ninfa Contigiani. Un libro originale con un ritmo narrativo serrato dove la storia si scopre attraverso i pensieri di Fiamma che si definisce cattiva, anche se non è stato sempre così. Fiamma è avvolta nella sua solitudine, non le interessa la compagnia di nessuno è afflitta da mille ossessioni è piena di manie con una caratteristica particolare: non ricorda gli ultimi vent’anni della sua vita. La sua mente è piena di buchi e vuoti di quando possedeva una casa, un marito e una figlia che amava. Una gita sarà l’occasione per farle riprendere il lungo e difficile viaggio di ritorno al passato. Un viaggio pieno di dolore, dubbi e sconforto, un viaggio necessario che vuol dire trovare il coraggio di essere se stessi e di “affacciarsi alla finestra e chiedere aiuto” come dice la protagonista.

L’Associazione “ Mi Fido di te” ha un suo c/c presso la Banca di Macerata filiale di Tolentino n° 000210100574 IBAN: IT 51M 03317 69200 000210100574.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments