Giocare fa bene a tutte le età: convegno 19 e 20 novembre Unimc, Clementoni e Unicef

“Il gioco è una cosa seria” amava sottolineare Mario Clementoni. E proprio per questo “non bisognerebbe mai smettere di giocare, specialmente quando si diventa grandi”.

Un pensiero lungimirante quello di Mario Clementoni, che oggi riecheggia nel titolo dell’evento “Giocare fa bene a tutte le età” perché “la prima cosa che un bambino fa è giocare. Se ha fortuna, continuerà a farlo per tutta la vita.”

In occasione della settimana internazionale dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Clementoni supporta l’Università di Macerata, in collaborazione con Unicef, nell’organizzazione e promozione del convegno “Giocare fa bene a tutte le età”, una due giorni di approfondimento sull’importanza del gioco.

Il convegno è stato presentato nel corso di una conferenza stampa nella Sala Sbriccoli della Biblioteca didattica di Ateneo (Palazzo del Mutilato, piazza Oberdan) con gli interventi di Francesco Adornato, Rettore dell’Università di Macerata, Pierpaolo Clementoni, Direttore del Dipartimento di Ricerca Avanzata e Area test Clementoni, Patrizia Scaramazza, Presidente provinciale UNICEF e Paola Nicolini, Docente di Psicologia dello sviluppo e Psicologia dell’educazione.

“Nell’ambito di una collaborazione consolidata con l’Ateneo maceratese – spiega Pierpaolo Clementoni – ci è sembrato giusto e anche doveroso contribuire alla realizzazione di un evento che attesta il valore e l’importanza del gioco come abilitatore del dialogo familiare e supporto alla crescita dei più piccoli. In questo ultimi due anni, il gioco è diventato ancora di più, valore fondamentale per il perseguimento del benessere del singolo e dell’intero gruppo famiglia, a tutte le età e in tutte le situazioni, anche complesse, che si possono presentare nel corso della vita.”

“La collaborazione tra Università e Clementoni – sottolinea il rettore Francesco Adornato – è risalente nel tempo e oggi si muove lungo la strada dell’Umanesimo digitale, per capire come le nuove tecnologie possano contribuire allo sviluppo armonico dell’essere umano anche nel campo del gioco. Il rapporto scientifico si è consolidato nell’ambito della “Terza missione”, che vede l’Ateneo come veicolo di valore aggiunto per il territorio. Sono state sviluppate nuove formule, come quelle dei dottorati di ricerca svolti tra impresa e accademia, che permettono di investire contemporaneamente nelle competenze di giovani laureati e in strade innovative di ricerca e sviluppo per l’azienda”.

L’appuntamento è per il 19 e 20 novembre presso l’Università di Macerata – Polo Pantaleoni, via Peschiera Vecchia (Aula Blu) – con esperti del settore che illustreranno il gioco nelle sue caratteristiche e le ricerche in corso che vedono il gioco come formato essenziale di sviluppo in tutte le età della vita.

Il programma – in presenza previa prenotazione a questo link ed esibizione di Green Pass e in streaming al link che verrà inviato a tutti gli iscritti – prevede interventi e focus a tema.

Nell’ambito di un ricco programma fatto di incontri con pedagogisti, psicologi e psicoterapeuti esperti del gioco del mondo del bambino, Clementoni porterà il suo contributo anche attraverso gli interventi di Sara D’Angelo (venerdì 19 – ore 17.15, sul tema Giocoterapia in ospedale) e Francesca Forlivesi (sabato 20 – ore 10.30, su Clementoni@school, la collaborazione dell’azienda con il mondo della scuola).

Sabato 20 alle ore 15, inoltre, ci saranno dei Focus Group con educatori e insegnanti di asilo nido, scuola d’infanzia e scuola primaria. Ai partecipanti Clementoni consegnerà una gift card del valore di 25 euro da spendere presso il punto vendita Clementoni a Recanati.

Per adesioni confermare alla e-mail sara.dangelo@clementoni.it con oggetto Adesione al focus group. Le iscrizioni al focus group sono a numero chiuso e verranno accolte in ordine di arrivo.

L’evento si inserisce in una più ampia collaborazione tra l’Azienda e l’Università di Macerata, consolidatasi negli anni in numerose attività condotte insieme nel campo della ricerca scientifica di settore.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments